La periferia al centro. Omaggio alla collezione archeologica del Castromediano

La periferia al centro. Omaggio alla collezione archeologica del Castromediano

La periferia al centro. Le artigiane del Progetto Lef167 omaggiano la collezione archeologica del Museo Castromediano.

Il luogo dell’incontro, del dialogo e del confronto tra buone pratiche e creatività: uno spazio in cui reinventare costantemente il concetto di museo, inteso come metafora di casa delle culture.

Domenica 1 marzo il Museo Castromediano propone un programma in linea con questa sua missione. 

All’ingresso dello spazio museale, non lontano dalla Venere degli stracci di Michelangelo Pistoletto, sarà allestita la mostra di oggetti di artigianato realizzati dalle cittadine del quartiere 167- Stadio di Lecce ispirandosi ai graffiti delle grotte salentine e ai segni preistorici approfonditi nel percorso archeologico del Museo. 

Portare la periferia della città nel Museo Castromediano, per contribuire a un confronto serrato tra progettualità, è la finalità della mostra che accoglierà gli oggetti e le opere di 9 artigiane del quartiere (Anna Maria Franco, Rosanna Nanni, Monia Cassiano, Gabriella Freuli, Doranna Calvani, Ilaria De Blasi, Antonella Calabrese, Silvia Ramirez), coinvolte da Antonia Di Francesco per 167 Revolution, un’estensione del progetto LEF167 Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale, finanziato dalla Regione Puglia e Unione Europea con Fondi per l’innovazione sociale.

La riqualificazione del quartiere si sviluppa a partire dalle attività dei propri residenti e dal cambiamento di attitudine rispetto alla periferia che rende i residenti del quartiere protagonisti del cambiamento e cittadini attivi, promuovendo un atteggiamento legalitario e del “poter fare” in comunità, per risvegliare la coscienza civica e la voglia di mettersi in gioco per il bene comune nella legalità.

Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità economica, occupazione femminile: questi gli ingredienti messi in gioco per La periferia al centro.

Riempire di creatività spazi vuoti e restituirli alle comunità con esperienze innovative di rigenerazione urbana, attraverso progettualità dal forte impatto sociale, che nascono dal basso all’insegna di processi di collaborazione e co-progettazione tra cittadini, organizzazioni private e istituzioni pubbliche. 


Appunti di Puglia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: