Presepe di Martano, si rinnova la tradizione anche quest’anno

Presepe di Martano, si rinnova la tradizione anche quest’anno

Il presepe di Martano rivive secondo tradizione e, al tempo stesso, modernità. Quest’anno, in particolare, il centro storico sarà animato con tre allestimenti: ilPresepe vivente, il Presepe artistico e Presepe in movimento, messi a punto dalle Parrocchie e da alcune associazioni locali, con il patrocinio del Comune di Martano e  della Provincia di Lecce.

“La collaborazione e la sinergia tra tutte le componenti sono la ricetta vincente di questi tre Presepi. Abbiamo voluto triplicare l’allestimento in questa stagione e di questo ringrazio quanti hanno reso possibile tutto ciò, soprattutto la Comunità che mi onoro di rappresentare, che da subito ha sostenuto con passione la realizzazione dei Presepi”, ha dichiarato il sindaco Fabio Tarantino.

 Alla sua quarta edizione, il Presepe vivente dei ragazzi di Martano sarà inaugurato domenica 22 dicembre (ore 17 – 20) e andrà ancora in scena il 25, 26, 29 dicembre e il 5 gennaio (ore 18 – 20.30) e il 6 gennaio (ore 16.30 – 19), nella corte e nei giardini dell’antico Palazzo Ducale in via Calimera. A cura delle Parrocchie Maria Santissima del Rosario e Maria Santissima Assunta, della Pro Loco, con il patrocinio del Comune di Martano, il Presepe ripropone scorci di vita quotidiana e scene di attività artigianali ambientate nell’atmosfera di duemila anni fa. Accompagnati dai figuranti, i visitatori si trasformeranno in testimoni degli eventi narrati nei Vangeli, in un viaggio emozionante che li condurrà fino alla grotta di Betlemme, dove giace il Bambinello in una mangiatoia. 

Programma presepe di Martano

Sarà inaugurato sabato 21 dicembre, alle ore 19, e rimarrà aperto ogni giorno dalle 16.30 alle 20.30 sino al 2 febbraio 2020, giorno della Candelora, nei locali che hanno ospitato lo storico pastificio “Marati”, con ingresso da via San Giorgio. La struttura, caratteristico esempio di architettura industriale dei primi anni del ‘900, si contraddistingue per l’imponente canna fumaria, che svetta alta su Martano, e sarà illuminata artisticamente per l’occasione. L’opera, realizzata sotto la guida artistica di Gianfranco Protopapa, sarà animata da pupi a grandezza naturale, realizzati dai tanti volontari, come il vetraio, il vasaio, lo scalaio. L’osteria, la guarnigione romana, il sinedrio, faranno da contorno alla grotta della natività.

Appunti di Puglia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: