Il disturbo del sonno tra cattive abitudini e patologie

Il disturbo del sonno tra cattive abitudini e patologie

Il disturbo del sonno è molto più frequente di quanto non si pensi. Le casistiche sono di vario genere e variano da soggetto a soggetto, per alcuni basta dormire dal sette alle otto ore ad altri ne occorrono dieci, ad altri ancora possono essere sufficienti cinque o sei ore di riposo per essere perfettamente in forma. È un aspetto molto soggettivo che non impedisce comunque di creare disagi a quanti ne soffrono come ad esempio eccessiva sonnolenza o spossatezza durante la giornata. 

Cosa provoca il disturbo del sonno?

Il normale ritmo sonno-veglia può essere alterato da diverse situazioni come ad esempio:

  • Fare sport 3-4 ore prima di coricarsi
  • Caffè, alcool, nicotina 
  • Cena pesante
  • Disturbi della tiroide
  • Scompenso cardiaco
  • Ipertensione arteriosa

Il disturbo del sonno può portare a molte conseguenze come:

  • Disturbi dell’umore
  • Ansia e facile irritabilità
  • Eccessiva sonnolenza diurna
  • Forte stanchezza

 L’insonnia può essere quantificata attraverso specifici esami denominati polisonnografie, si deve associare anche una soggettività di scarso ristoro derivante dal sonno notturno; questo vuol dire che un individuo è insonne non solo se dorme poche ore ma se da queste poche ore non ottiene un ristoro adeguato al mantenimento della sua funzionalità sociale e lavorativa nelle ore diurne.

La mancanza di sonno non è di per se una malattia ma molte volte è la conseguenza di altre oppure è il risultato di cattive abitudini sull’alimentazione e sulla routine quotidiana.

Non necessariamente in queste situazioni si devono eseguire esami specifici come i polisonnografici che devono comunque essere sempre preceduti da una valutazione clinica da parte di uno Specialista di Medicina del Sonno; quando si eseguono esami strumentali in un paziente che riferisce insonnia in genere si osservano un tempo di addormentamento prolungato, un numero di risvegli più elevato, o un risveglio molto precoce al mattino. (Bergonzi P. et Al., 1992; Ferri R., 1996).

La tipologia dell’insonnia viene così definita:

  • insonnia iniziale quando la difficoltà prevalente riguarda l’addormentamento serale;
  • insonnia intermedia quando a prevalere sono i risvegli a metà nottata seguiti da difficoltà a riprendere sonno;
  • di insonnia terminale quando invece è presente un risveglio molto precoce seguito dall’impossibilità di riprendere sonno.

Negli insonni in genere risulta diminuita la percentuale di Sonno trascorsa nello stadio 4, cioè dello stadio più profondo e riposante del Sonno, che insieme alla diminuzione del sonno REM, determinano un incremento degli stadi meno profondi di Sonno, cioè lo stadio 1 e, ancor di più, lo stadio 2. (Ferri R, Alicata F., 1995; G. Coccagna., 2000). 

Appunti di Puglia

Lascia un commento