Camminare aiuta a migliorare la qualità del sonno

Camminare aiuta a migliorare la qualità del sonno

Camminare è un perfetto toccasana per la salute del corpo e non solo. Coprire più di 3000 passi al giorno, all’incirca 2,4 chilometri, quando si superano i 50 anni aiuta a migliorare la qualità del sonno. A verificarlo uno studio della Brandeis University del Massachusetts. La ricerca si è focalizzata su 59 uomini e donne di mezza età residenti a Boston con impegni lavorativi a tempo pieno quindi poco propensi all’attività fisica. A loro è stato consegnato un apparecchio da indossare per monitorare perfettamente la quantità di passi giornalieri, il monitoraggio è durato un mese. La fase due della ricerca prevedeva la compilazione di alcuni questionari sul tempo occorso per addormentarsi, quante volte si svegliavano durante la notte e quanto di sentivano riposati una volta svegli al mattino.
Il nesso tra il movimento e il sonno è saltato subito all’occhio dei ricercatori, più erano i passi migliore era la qualità del sonno.
«In sostanza possiamo dire che più ci si muove – commenta Alycia Sullivan, coordinatrice dello studio – e meglio si dorme».

Siamo programmati per camminare

Al di la dell’aspetto scientifico un fatto rimane sicuramente chiaro: il nostro corpo è programmato per camminare e muoversi sin dagli albori. Al contrario, la nostra ostinazione ad essere sedentari sta danneggiando il nostro organismo. Oggi la moderna tecnologia ci spinge a uscire di casa e passeggiare, basti pensare ai nuovi accessori indossabili come Apple Watch o Fitbit e molte altre fasce utilizzate per lo sport. Quando lo smart watch si accorge che siamo seduti o poltriamo da troppo tempo t’inviata a lasciare il comodo sofà per sgranchirti le gambe. Lo stesso metodo lo hanno utilizzato le grandi aziende le quali all’interno hanno progettato delle aree dedicate al fitness e al benessere. Tutto questo perché? Semplicemente perché un lavoratore sano che non passa la pausa pranzo davanti al pc è un lavoratore più motivato e di conseguenza con un migliore rendimento.

redazione Appunti di Puglia

Lascia un commento