Città di Gallipoli, intitolazione della Piazzetta dei Musicisti

Città di Gallipoli, intitolazione della Piazzetta dei Musicisti

La Città di Gallipoli cambia denominazione allo spazio situato tra il castello e il ponte seicentesco, da taluni indicato come “rampa castello”, che mette in collegamento il ponte stesso con l’area del mercato ittico al dettaglio. Lo ha deciso il Comune, in adesione alla proposta dell’associazione musico-culturale “Il Musicante” presieduta da Enrico Tricarico. Sabato 19 ottobre alle ore 19, sarà pertanto scoperta la targa che reca l’indicazione di “Piazzetta dei musicisti” con riferimento a tre compositori gallipolini: Giuseppe Tricarico (1623-1697), Vincenzo Alemanno (1827-post 1913) e Francesco Luigi Bianco (1859-1920). L’intitolazione avrà anche una colonna sonora, grazie all’esibizione dell’orchestra “Enrico Giannelli” del liceo musicale di Casarano diretta da Giacobbe Doria.

La cerimonia continuerà nella biblioteca civica di via Sant’Angelo della Città di Gallipoli. Introdotto dal sindaco Stefano Minerva e dall’assessore al centro storico Biagio Palumbo, Enrico Tricarico illustrerà i motivi per cui i tre musicisti hanno meritato questo riconoscimento che di fatto è esteso ai diversi compositori portati nel tempo – insieme al nome di Gallipoli – in giro per l’Europa, a cominciare dal più antico di cui si ha conoscenza, ossia Michele Delipari attivo nel XII secolo.

Queste figure sono per altro “raccontate” nel libricino “Musiche e musicisti storici di Gallipoli” curato dallo stesso Tricarico e che al termine dell’incontro sarà donato ai presenti.

L’evento rappresenta il penultimo degli incontri, che possono definirsi “fuori cartellone”, dell’ottava edizione della “Settimana della cultura del mare”, di cui Enrico Tricarico è direttore musicale, organizzata dall’associazione “Puglia & Mare” e dal Comune di Gallipoli. E “fuori cartellone” è anche per il Festival “Terra tra due Mari” promosso da “Il Musicante” organizzato con la collaborazione della Pro Loco.

redazione Appunti di Puglia

Lascia un commento