Arte e musica, a Spazio Murat ‘Giri di Pensiero’ fino al 18 ottobre

Arte e musica, a Spazio Murat ‘Giri di Pensiero’ fino al 18 ottobre

A Spazio MUrat ‘Giri di pensiero’, rassegna dedicata all’arte e musica, alla danza, alla moda, al design e alla musica dal 18 ottobre 2019

Spazio Murat conferma con questa terza edizione del progetto di voler diventare sempre più centro nevralgico delle arti a Bari, permettendo, attraverso gli incontri, scambi e contaminazioni di idee, esplorazioni e condivisioni di ricerche, condotte nelle varie discipline, con l’intento di renderne visibili le relazioni. L’estro e l’immaginazione faranno poi il resto. Per riuscire al meglio nell’intento, “Giri di Pensiero” si pone come una rassegna che intercetta esperienze italiane e internazionali, tra le più note nei vari settori.

Per questa edizione i 5 appuntamenti tra arte e musica previsti verranno dedicati a: Tomaso Binga (alter ego di Bianca Pucciarelli), artista e autrice di poesia visiva, sonora e performativa, figura centrale all’interno del discorso femminista nel panorama artistico italiano (18 ottobre, ore 18, ingresso gratuito); Martin Margiela, rivoluzionario stilista belga, punto di riferimento per la moda d’avanguardia (25 ottobre, ore 18, ingresso gratuito); Kenji Takagi, danzatore freelance, coreografo e insegnante, ex membro della compagnia Pina Bausch, vincitore del premio Faust Preis (31 ottobre, ore 16-21, ingresso gratuito); Kiasmo, brand salentino il cui lavoro interseca design, moda, arte e architettura (dicembre, data in fase di definizione); Sofie Royer, artista, musicista, dj e modella, profilo che esplora a tutto tondo l’universo musicale, dall’elettronica all’hip-hop, con un gusto straordinario e una visione molto personale (27 dicembre, ore 21, ingresso da 7 a 10 euro).

Non è difficile immaginare che da questi incontri e dalle pratiche artistiche, anche le più lontane tra loro, possano nascere nuove forme e nuovi progetti. Perché la creatività non è un concetto statico. Anzi. Si alimenta e cresce anche attraverso contrasti e pensieri iperbolici mai sperimentati prima.

Permettere alla Città di Bari e con essa a tutta la Puglia di ospitare un evento del genere significa continuare a voler credere nelle potenzialità della regione e degli artisti coinvolti  e creare una rete tra il locale e il globale, tra le istituzioni e i network di largo respiro.

“Giri di pensiero” è una piattaforma attraverso la quale Spazio Murat ha la possibilità di testare in tempi brevi diverse metodologie, formati, ambiti di ricerca e mettere le basi per collaborazioni future più strutturate.

redazione Appunti di Puglia

Lascia un commento