PNL, congresso a Gallipoli nel maggio 2020

PNL, congresso a Gallipoli nel maggio 2020

Il Congresso internazionale di PNL – Programmazione Neuro Linguistica approda al Castello di Gallipoli, in provincia di Lecce. Dopo Medellin, Londra, Madrid, Barcellona, Siviglia, Lisbona, Porto e altre città europee, Circa 700 partecipanti arriveranno da tutto il mondo per partecipare ai sette seminari  che da lunedì 11 maggio a giovedì 18 giugno 2020 occuperanno le sale dell’antico maniero per 40 giorni di programmazione intensiva, con la partecipazione del cofondatore della disciplina John Grinder. Un’occasione unica per la città di Gallipoli che è stata scelta dopo un’attenta selezione per ospitare questo importante evento grazie all’impegno dell’Agenzia di Comunicazione Orione, che gestisce il castello dal 2014, e alla collaborazione dell’amministrazione comunale guidata da Stefano Minerva. Una grande opportunità per tutto il comparto turistico che avrà una ricaduta economica importante per la città generando circa 6mila pernotti nelle strutture ricettive del territorio, senza considerare pranzi, cene, occasioni di svago e di acquisti vari.

Cos’è la PNL

La disciplina è nata dal frutto di anni di ricerche, compiute da Richard Bandler e John Grinder, orientate a scoprire quali fossero gli elementi comportamentali e linguistici che permettevano alle persone di successo di avere una costanza di risultati positivi molto rilevante. E proprio il linguista, filosofo e life coach statunitense John Grinder sarà presente nel Salento durante i sette seminari. La Programmazione Neuro Linguistica si occupa dello studio della struttura dell’esperienza soggettiva e di quello che può essere calcolato da esso. Le strategie efficaci di pensiero possono essere identificate, assunte e utilizzate da chiunque lo desideri. I risultati sono stati l’individuazione di una serie di strategie comportamentali e di modelli linguistici specifici e riproducibili.

Inoltre sino al 3 novembre 2019 nel Castello sarà allestita la mostra “Lampante. Gallipoli, città dell’olio”, un racconto che celebra “l’oro liquido” che, dall’inizio del XVI secolo, permise a Gallipoli di divenire la maggiore piazza europea per la produzione e la commercializzazione di olio lampante, “illuminando” le grandi Capitali europee come Parigi, Londra, Berlino, Vienna, Stoccolma, Oslo, Amsterdam e intrattenendo, con le stesse, ricchi commerci e scambi culturali. La mostra è realizzata in sinergia con l’Amministrazione Comunale di Gallipoli in collaborazione con Polo BiblioMuseale e Museo Sigismondo Castromediano di Lecce e numerosi altri enti. 

redazione Appunti di Puglia

Lascia un commento