Dal 26 luglio al 1 agosto – I Teatri della Cupa tra Novoli, Trepuzzi, Campi Salentina e Cerrate (Le)

Dal 26 luglio al 1 agosto – I Teatri della Cupa tra Novoli, Trepuzzi, Campi Salentina e Cerrate (Le)

I teatri della cupa dal 26 luglio al 1 agosto (con un’anteprima giovedì 25 luglio) torna per la quinta edizione “I teatri della Cupa”. Il Festival del teatro e delle arti nella valle della Cupa rientra nel più articolato progettodi Factory compagnia Transadriatica e Principio Attivo Teatro sostenuto dalla Regione Puglia e realizzato in collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese, i Comuni di Campi SalentinaNovoli eTrepuzziUnione dei Comuni del Nord SalentoGal Valle Della Cupa e con il supporto di numerosi sponsor privati. Sette giorni di spettacolivisioniassemblee della parola tra Campi Salentina,NovoliTrepuzzi e l’Abbazia di Santa Maria di Cerrate. Sul tema Apulia survival kit, quello di quest’anno sarà un festival dedicato principalmente alla Puglia (ma non solo), alle nuove creazioni di artisti e compagnie dal respiro nazionale e contemporaneo (con numerose anteprime e prime nazionali e regionali), agli adulti e alle famiglie con una serie di appuntamenti tout public. Tra gli ospiti il cileno Francisco ObregonMario PerrottaTeatro delle Albe, Produzioni ImpertinentiAnimanera, Armamaxa, Teatro ZemrudeArtisti DramaTeatri di BariLuigi D’Elia e I Bevano EstPaola FresaFactory compagnia Transadriatica e molte altre esperienze pugliesi e nazionali.


Apulia Survival Kit

è il filo conduttore della quinta edizione de “I teatri della Cupa“, festival del teatro e delle arti nella Valle della Cupa che si terrà nel Salento dal 26 luglio al 1 agosto (con un’anteprima giovedì 25 luglio). Un festival dedicato principalmente alla Puglia (ma non solo), alle nuove creazioni di artisti e compagnie dal respiro nazionale e contemporaneo (con numerose anteprime e prime nazionali e regionali), agli adulti e alle famiglie, con una serie di appuntamenti tout publicSette giorni di spettacolivisioniassemblee della parola in un territorio, la Valle della Cupa, che – di anno in anno – accoglie e svela ai suoi cittadini, ai turisti e al popolo dei festival le proprie bellezze e possibilitàCampi SalentinaNovoliTrepuzzi e il complesso dell’Abbazia di Santa Maria di Cerrate, compongono un mosaico di luoghi e relazioni che trova nel festival estivo il compimento del percorso più lungo della residenza Passi comuni di Factory compagnia Transadriatica e Principio Attivo Teatro

Su palchi più o meno “tradizionali” (con prezzi popolari e accessibili) e in alcune piazze (ingresso gratuito) si alterneranno l’attore e regista cileno Francisco Obregon della compagnia Teatro Po con la sua burattina Sophia, il tre volte Premio Ubu Mario Perrotta con In nome del padre, frutto della collaborazione con Massimo Recalcati, Giuseppe Ciciriello e Pietro Santoro con la prima regionale dell’Iliade(Produzioni Impertinenti), Gaetano ColellaEnrico Messina e Daria Paoletta protagonisti di Metamorfosi – indistinto racconto (da Ovidio), Artisti Drama con la prima regionale della commedia malinconicaLa vecchia con Marco Manchisi Stefano Vercelli, Teatro Zemrude con la prima nazionale de La camera di Maya con Clio Evans Agostino AresuTeatri di Bari con lo spettacolo “Il principino” conVito SignorileAnna De Giorgio e Danilo Giuva, la prima regionale di Preludi d’amore di e con Luigi D’elia e I Bevano Est (che animeranno anche la festa finale) per la regia di Simonetta Dellomonaco. In scena anche le nuove produzioni di Factory Compagnia Transadriatica, “Corri, Dafne!“(coproduzione Tessuto Corporeo) con Ilaria Carlucci e, in anteprima regionale, Mattia e il nonno (con Fondazione Sipario Toscana) con Ippolito ChiarelloAnimanera Teatro proporrà l’esperienza (otto spettatori alla volta) con le storie di amori diversi, di passioni, di desideri ardenti, travolgenti, totali di “Try Creampie! – Vuoi venire a letto con me?” di Aldo Cassano. “Thioro. Un cappuccetto rosso senegalese” è uno spettacolo, al festival in anterpima regionale, nato in Senegal, nuova occasione di incontro nel solco del meticciato teatrale del Teatro delle Albe. Una relazione feconda con la terra di origine di Mandiaye Ndiaye, attore cardine della compagnia scomparso nel 2014, con cui le Albe hanno posto le basi del proprio teatro attraversando insieme i canti e i paesaggi d’Africa. In programma anche la prima regionale de “Il problema” di Paola Fresa con Nunzia Antonino, Michele Cipriani e Franco Ferrante, una produzione Fondazione Sipario Toscana / Erretiteatro30, provato a maggio al Teatro Comunale di Novoli grazie al progetto “Trac – Teatri di residenza artistica contemporanea“. 

Anche quest’anno I Teatri della Cupa saranno in scena anche nella millenaria Abbazia di Santa Maria di Cerrate, nel 2012 affidata in concessione al FAI dalla Provincia di Lecce, un tempo monastero di rito greco ortodosso, poi centro di produzione agricola, notevole testimonianza del romanico pugliese, recentemente ristrutturata e riabilitata al culto religioso. Martedì 30 luglio si alternanno la prima  Assemblea della Parola con Giulio Stumpo, la performance Pupe di Pane diAccademia Mediterranea dell’AttoreKyrie di Ugo Chitti con Carla Guido per la regia di Antonio Carlo e, in prima regionale, Stabat Mater, creazione per sei voci e un’abbazia, di Antonella Talamonti. La musica sarà protagonista con il primo studio di #PianoPoesia– I poeti maledetti, concerto poetico per attore e pianoforte di Biancofango/Fattore K, #PianoMilonga con Enrico Tricarico, Classica For Dummies della Microband, duo comicomusicale con Luca Domenicali e Danilo Maggio#PianoFamily con Irene Scardia, Luigi, Filippo e Carolina Bubbico. 

Giovedì 25 luglio 

l’anteprima del festival prenderà il via alle 12 a Lecce (luogo da definire) con un incontro con la stampa  e alcuni protagonisti del festival e dalle 21 (ingresso libero), in Corte dei Lecciso aCampi Salentina, in collaborazione con InusualeBook Fest, con la presentazione del libro “La manutenzione della solitudine” di Giuseppe Semeraro (Musicaos). Dopo l’introduzione di Gabriella Maci, l’autore dialogherà con Francesca Prete e con l’editore Luciano Pagano. Accompagnamento musicale di Leone Marco Bartolo. 

“Da tempo visioni politiche poco lungimiranti continuano a minare le basi culturali del nostro Paese, determinando quella rottura del patto sociale che promuove un individualismo sempre più ostile e, per questo, manipolabile”, sottolineano gli organizzatori. “A dispetto di una burocrazia scoraggiante e di una crisi generale del mondo teatrale, resta vitale la visionaria ostinazione dei tanti artisti e lavoratori dello spettacolo che continuano a cercare un modo per sopravvivere, una maniera per continuare a tener desto il senso della collettività. A tutti loro è dedicato l’Apulia Survival Kit. Un kit di sopravvivenza, di condivisione, di pratica del teatro e di incontri. Una possibilità concreta di interrogarsi sullo stato dell’arte teatrale nella nostra regione attraverso spettacoli, visioni, assemblee della parola”. 

Sin dalla sua nascita, infatti, il Festival si fonda sul dialogo tra artisti, pubblico e operatori, nella volontà di pensare a un teatro che coinvolga e renda partecipe la comunità tra luoghi, contenitori artistici, beni culturali ed ambientali, ricca espressione di un territorio dalle molte potenzialità. La Valle della Cupa, infatti, è una grande depressione carsica con al centro Lecce. Ville, cascine, masserie fortificate con torri colombaie e neviere, “pagghiare”, resti di tracciati e vie di ogni epoca storica caratterizzano il paesaggio di questa ampia zona che coinvolge numerosi comuni intorno al capoluogo salentino. In continuità con le edizioni precedenti il festival si contraddistingue sempre più come un unicum regionale per la proposta della scena teatrale, musicale e coreutica nazionale, caratterizzato da una spiccata vocazione al contemporaneo e all’innovazione dei linguaggi.

Il Festival I Teatri della Cupa

rientra nell’articolato progetto Passi comuni, ideato e curato da Factory compagnia transadriatica Principio attivo teatro – è finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’Avviso pubblico per presentare iniziative progettuali per lo Spettacolo dal vivo e le residenze artistiche – FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia, ed è realizzato in collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese, i Comuni diCampi SalentinaNovoli e TrepuzziUnione dei Comuni del Nord SalentoGal Valle Della Cupa e con il supporto di numerosi sponsor privati. 

redazione Appunti di Puglia

Lascia un commento