Carmen e La Traviata in scena nelle suggestive Cave di Fantiano

Carmen e La Traviata in scena nelle suggestive Cave di Fantiano

La sigaraia più famosa della storia dell’opera lirica e la cortigiana parigina più celebre della letteratura musicale, tra lussi e piaceri della vita. Due donne forti, eroine dal valore simbolico ed eterno, saranno le protagoniste dei capolavori operistici che caratterizzeranno l’edizione 2019 del Festival Oltre Lirica. «Carmen»di Georges Bizet (7 luglio) e «La traviata» di Giuseppe Verdi (21 luglio) saranno i due titoli proposti dal festival pugliese, che nel cuore di luglio porterà la grande opera lirica nello scenario naturale delle Cave di Fantiano, a Grottaglie (via XXV luglio, Contrada Fantiano). Biglietti in vendita sul circuito liveticket.it, nei punti vendita del circuito, a Taranto (Bar “El Timba”, via Dante Alighieri 107) e all’infopoint turistico di Grottaglie, all’interno del Castello Episcopio (infotel: 099.562.38.66). 

Si comincia il 7 luglio

Si partirà domenica 7 luglio con Carmen di Georges Bizet, l’opéra-comique in quattro quadri, su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy, tratta dalla novella omonima di Prosper Mérimée (1845). La direzione dell’Orchestra e Coro di Oltre Lirica è affidata a Gianna Fratta, tra i migliori talenti pugliesi della bacchetta, con la regia di Lev Pugliese. Nel cast principale Carmen sarà interpretata da Angela Cuoccio, Don José da Gianni Leccese, Escamillo da Francesco Baiocchi, Micaela da Cristina Giannelli. In scena anche la compagnia di danza “Equilibrio Dinamico”, fondata e diretta da Roberta Ferrara, tra le più attive e importanti del Sud Italia. Carmen è una storia intensa e passionale in cui amore e morte si intrecciano a Siviglia, città nella quale una sigaraia sensuale e passionale ammalia un soldato devoto all’arma e alla patria. È un’opera cardine di fine ‘800 (la prima, a Parigi, andò in scena il 3 marzo 1875), ma resta un capolavoro senza tempo. seppur con un luogo e un’ambientazione ben precisa: la Spagna diventa una cornice fondamentale della vicenda, un “personaggio” attivo nelle passioni della protagonista Carmen. Con il suo folklore e le tradizioni l’opera di Bizet si carica di una teatralità naturale e un forte carattere, che pervadono musica e scene. Per questo diventa un’opera sempre ricca di energia ed emozioni, un flamenco tra riti religiosi e feste inebriate, segreti e passioni, gelosie e risate, vino e fuoco, sabbia e sangue.

Carmen e La Traviata

La chiave di lettura sta nel triangolo di base tra Carmen, Don Josè e la Spagna: la sigaraia è il perno fondamentale, è lei a muovere le pedine a suo piacere, a condurre il gioco, come un serpente a sonagli, che illude con il suo fascino, per poi scagliarsi e colpire la vittima. In tal caso la vittima prescelta sarà lo stesso Don Josè, anche se alla fine, a soccombere, sarà la stessa Carmen.

L’opera di Bizet apre inevitabilmente alla riflessione di temi molto scottanti e purtroppo attuali come il femminicidio. Per questo motivo gli organizzatori realizzeranno la produzione in stretta collaborazione con «Io sono Mia», associazione di promozione sociale nata a Bitonto nel 2013 che ha come fine la prevenzione e il contrasto della violenza di genere. In occasione del Festival Oltre Lirica, «Io Sono Mia» svolgerà un’azione di sensibilizzazione nel territorio di Grottaglie sui temi del femminicidio che emergono dalla Carmen, tramite uno slow mob per le strade principali della città, a pochi giorni dall’evento.

Domenica 21 luglio

Oltre Lirica vivrà la sua seconda tappa alle Cave di Fantiano con un altro capolavoro operistico: «La traviata» di Giuseppe Verditrasformerà l’immaginifico scenario naturale nella corte e nell’ambiente ammaliante di Parigi. E se il titolo originale dell’opera, nell’idea primigenia di Verdi, doveva essere «Amore e Morte», a posteriori si può ben dire che l’intervento della censura veneziana dell’epoca fece un favore al compositore di Busseto, permettendo di adottarne uno ben più forte. Nella produzione di Oltre Lirica, a dirigere l’Orchestra e il Coro del Festival sarà il direttore statunitense Dennis Assaf, con la regia del Sovrintendente dell’Opera Romana di Craiova  Antoniu Zamfir. Violetta Valéry sarà interpretata dal soprano rumeno Renata Vari, Alfredo Germont dal tenore spagnolo David Baños, Giorgio Germont da Francesco Baiocchi.

Oltre Lirica è organizzato dall’associazione An.G.Eli Eventie sostenuto dal Comune di Grottaglie, da vari sponsor privati ed ha il patrocinio dell’Assessorato all’Industria turistica e culturale, Gestione e valorizzazione dei beni culturali della Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese.

Tutti i dettagli di Oltre Lirica sono sul sito ufficiale www.oltrelirica.it. Biglietti in vendita su

www.liveticket.it/oltreliricagrottaglie,nei punti vendita del circuito, a Taranto (Bar “El Timba”, via Dante Alighieri 107) e all’infopoint turistico di Grottaglie, all’interno del Castello Episcopio (infotel: 099.562.38.66). 

redazione Appunti di Puglia

Lascia un commento