Tre laboratori culturali organizzati dall’Associazione Culturale Fondo Verri

Tre laboratori culturali organizzati dall’Associazione Culturale Fondo Verri

Partiranno mercoledì, 16 gennaio alle ore 18 presso l’ex-Convitto Palmieri di Lecce, il primo dei tre laboratori culturali organizzati dall’Associazione Culturale Fondo Verri in collaborazione con il Polo Biblio-Museale di Lecce.

 

Tre laboratori che renderanno più bello il museo recentemente ristrutturato.

Si parte, come detto mercoledì prossimo con un laboratorio suddiviso in due parti:

  • La scrittura del diario
  • L’arte dei sogni

gli incontri previsti per questo laboratorio sono 20 e si concluderanno il 12 giugno 2019.

La prima sezione del laboratorio consiste nella redazione di un “giornale di vita” o un diario.

La chiave ne è il dialogo: non parlato ma scritto, con figure di saggezza, corpo, etica, persone, e personaggi del mondo onirico.

La seconda parte, invece, si rivolge proprio ai sogni, per esplorarli anziché interpretarli attraverso  tempera e pennelli.

Il secondo laboratorio, intitolato:

Uno Spazio per FilosoFare, inizierà domenica 20 gennaio, dalle ore 11 alle ore 13 e dopo 15 incontri terminerà il 5 maggio 2019.

Questo secondo laboratorio rappresenta un ‘viaggio’ attraverso alcune figure della storia della filosofia intesa come storia dei discorsi filosofici e del loro trasformarsi in stili di vita.

In questo caso prevarranno la conversazione, non monologica, né terapeutica, ma lieve e conciliante, sugli input proposti di volta in volta, testi, brevi video, foto.

Il terzo ed ultimo laboratorio, dal titolo “Voce.Corpo.Narrazione” è in programma per la primavera, precisamente lunedì 4 marzo dalle 17.30 alle 19, si concluderà, dopo 6 incontri, il 6 aprile 2019.

Questa terza proposta si concentra sulla relazione fra la voce e il corpo.

Il lavoro sulla voce come modo ulteriore della attestazione di sé. Esercizi timbrici e movimenti nello spazio, per accorgersi del mutamento di cui tenere memoria, di nuovo, attraverso strategie diaristiche, eventualmente trasformabili in drammaturgie interiori da destinare al teatro sotto la guida di un attore.

 

Carla Falcone

Giornalista e copywriter freelance, consulente per alcune aziende.

Lascia un commento