Festival dei Piccoli Lettori a Calimera 21-23 settembre

È dedicata al fumetto la diciassettesima edizione della rassegna del Comune di Calimera di letteratura per ragazzi il “Festival dei Piccoli Lettori, La lettura ti fa grande”. Nelle precedenti edizioni ha contato numeri straordinari: oltre 12.000 visitatori e circa 4.700 libri venduti, ha ospitato autori di livello nazionale ed internazionale come Roberto Piumini, Angela Nanetti, Bruno Tognolini e tanti altri. L’edizione 2017 nasce dalla volontà di diversificare il Festival mettendo in primo piano, per la prima volta nel festival calimerese, il testo scritto sotto forma di fumetto. Grazie alla collaborazione con l’Istituto di Grafica e Fumetto GRAFITE, il più grande polo formativo in Puglia sul mondo dell’immagine progettata, disegnata, animata, la diciassettesima edizione del Festival dei Piccoli Lettori, si sviluppa con un ricco programma del tutto inedito.

È partner dell’edizione 2017, oltre a Grafite, l’Istituto Comprensivo Calimera. Partecipano le librerie Volta la Carta e il Giardino delle Nuvole, il CSV Salento.

L’edizione 2017 prende il titolo dal quarto episodio del film capriccio all’italiana “Che cosa sono le nuvole” di Pier Paolo Pasolini. Il titolo è una suggestione che richiama fortemente le nuvole, icona classica del fumetto, e, al contempo, vuole riannodare i fili della memoria raccontando alle nuove generazioni quello che fu un incontro indelebile della comunità calimerese con il grande intellettuale italiano, nell’anno del suo 95mo anniversario di nascita. Il 5 marzo scorso, in coincidenza con il 95° anniversario di nascita di Pier Paolo Pasolini, il Comune di Calimera, in collaborazione con il Centro Studi “Pier Paolo Pasolini” di Casarsa della Delizia, ha dedicato una simbolica “Pietra Poetica”, in ricordo della presenza di Pier Paolo Pasolini a Calimera il 21 ottobre 1975 che fu anche l’ultimo suo incontro pubblico.

Ad aprire il Festival, giovedì 21 settembre alle ore 18.30 presso l’area Mercatale, due eventi di rilievo: l’avvio del percorso partecipato per la definizione del Patto Locale per la Lettura, uno strumento di promozione sociale della lettura, affinché essa si radichi come un’abitudine sociale diffusa, e la premiazione dell’autrice Simona Bonariva, vincitrice dell’edizione 2016 del Festival con il libro “Mafia e Graffiti” (Edizioni EL, Einaudi Ragazzi, Emme Edizioni).

«Il Patto per la lettura che andremo a definire, lungo un percorso partecipativo che si avvia proprio giovedì prossimo – spiega Serenella Pascali, assessora alla Cultura e Welfare – vuole avere la finalità di diffondere le buone pratiche della lettura attraverso modalità partecipative e generative che coinvolgano l’intera Comunità. La lettura, dunque, quale strumento democratico per la crescita consapevole e critica dei cittadini e delle cittadine, strumento di esercizio civico della responsabilità, generativo di capitale sociale e di processi produttivi, mezzo per la valorizzazione dei beni comuni materiali e immateriali, strumento di emancipazione e progressione sociale dei cittadini e delle cittadine, dalla loro formazione culturale in età prescolare e scolare, all’esercizio intellettivo in età adulta».

Cinque graphic novel in concorso per l’edizione 2017 del Festival, un premio letterario che ha come unica giuria gli alunni e le alunne dell’Istituto Comprensivo Calimera, sette autori che incontrano un pubblico di grandi e piccoli lettori, una mostra mercato dell’editoria per bambini e ragazzi, letture ad alta voce, laboratori creativi, giocoleria e tante attività di animazione creativa. Nella giornata di sabato 23 settembre gli autori dialogheranno con i ragazzi e si sfideranno in un confronto “A colpi di libro”, davanti ai ragazzi-giuria che valuteranno i cinque libri fumetto in concorso: Mammacqua, di Paco Desiato, (Edizioni Round Robin, 2016), Il pomeriggio di Esopo, di Carmelo Calderone, (001 Edizioni, 2013), Calleo e i gatti di Venezia, di Silvia Dubravka Cikron Corbellini, Ilaria Ferramosca e Letizia Rizzo, (Edizioni Voilier, 2012), Nostra Madre Renata Fonte, di Ilaria Ferramosca e Gian Marco De Francisco, (001 Edizioni, 2012), Sulla Collina, di Ilaria Ferramosca e Mauro Gulma, (Tunué, 2016).

Il Festival si svolgerà in concomitanza con la Fiera della Madonna di Costantinopoli e Festa della Patata dolce di Calimera, nel rione adibito al mercato settimanale, nella zona 167 del Comune di Calimera. «Abbiamo voluto investire nel doppio evento per creare un circolo virtuoso di conoscenze e di scambi anche intergenerazionali – spiega la sindaca Francesca De Vito. Dal 21 al 24 settembre l’area mercatale sarà trasformata in un palcoscenico colorato e animato dalla tradizione e dall’innovazione, dalla cultura e dall’arte».

Le serate del Festival sono interamente dedicate alla musica e al buon cibo: degustazioni di prodotti tipici e della patata dolce di Calimera dal 2017 inserita nei PAT, venerdì 22 settembre gli Afreeka in concerto a partire dalle ore 21 (concerto di solidarietà per raccogliere fondi per Kokole Kantine, organizzazione che si occupa di facilitare l’accesso a scuola ed istruzione ai bambini e le bambine di Ngoloko Village, Kenya, fornendo loro divise, materiale scolastico e pasti giornalieri) e sabato 23 settembre doppio concerto “Una fisarmonica racconta la Grecia” di Maria Arampatzi,

La Grecia in uno spettacolo di musica, parole e immagini e i Nui…Nisciunu con il concerto di pizzica e canti popolari salentini.

 

redazione Appunti di Puglia

Lascia un commento