Borghi più ricercati su trivago: è Otranto la regina

Otranto_dal_bastione_dei_PelasgiTra stretti vicoli, case arroccate e campanili, l’Italia dei borghi regala posti e scenari mozzafiato che spesso richiamano un’atmosfera affascinante e lontana. L’Osservatorio trivago ha stilato la classifica dei 20 borghi più ricercati dagli utenti nazionali nell’ultimo anno raccogliendo così una selezione di vere e proprie perle disseminate su tutto lo Stivale. A guidare la graduatoria è la salentina Otranto, seguita dalla laziale Sperlonga e dalla siciliana Cefalù.

Il comune più a oriente d’Italia da oggi è anche il borgo più ricercato dagli utenti di trivago.it. Otranto, infatti, guida la classifica dei piccoli centri più ricercati grazie ai suoi panorami mozzafiato, al pittoresco centro storico (riconosciuto come sito Messaggero di Pace dell’UNESCO) e a tariffe hotel competitive: per dormire nel borgo salentino ad aprile infatti si spende in media 85€ per camera doppia a notte.

Il primo posto di Otranto in termini di ricerche per i borghi italiani può essere tradotto come simbolo di un aumento di interesse nei confronti del centro salentino, che si afferma non solo come meta estiva, ma come una destinazione da poter visitare durante tutto il resto dell’anno.

A riguardo il Sindaco Luciano Cariddi commenta: “La notizia che ci vede in testa alla classifica delle località più ricercate del portale trivago.it conferma l’appeal crescente che Otranto e il suo territorio esercita ormai da un po’ di anni. Ci auguriamo che anche per questa stagione le ricerche di strutture ricettive otrantine si tramutino in conferme di vacanza, per garantire ancora una volta un’ottima stagione di presenze turistiche. La prima posizione in questa classifica, d’altro canto, ci dice chiaramente che il lavoro sin qui svolto dall’Amministrazione Comunale e dalla comunità tutta viene apprezzato dagli ospiti che, evidentemente, trovano ad Otranto un ambiente accogliente in cui trascorrere qualche giorno di relax godendo del bellissimo mare, di un paesaggio suggestivo e della nostra ricca storia. Ovviamente resta tanto da fare e non bisogna certo cullarsi su questi primati, ma continuare a migliorarsi nella tutela del patrimonio ambientale e storico, nella infrastrutturazione necessaria e nella qualità dei servizi che si è in grado di offrire. Invitiamo tutti a venire a trovarci e godere della qualità di vita che si percepisce in città e del ricco programma di manifestazioni estivo che proporremo anche quest’anno”.

redazione Appunti di Puglia

Lascia un commento